Schermata_2015-07-07_alle_18.35.02.jpg

Per info e acquisti: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Ma che cos'è il carbone vegetale ?

Lo abbiamo chiesto a Francesco Galli, PhD – Nutrition and clinical biochemistry lab/ Dept of Pharmaceutical Sciences University of Perugia: “Il carbone vegetale è una polvere ottenuta dal legname e dai suoi cascami. Il legno – che può appartenere a specie differenti (pioppo, salice, betulla, ecc.) o essere sostituito da segatura, gusci e noccioli di frutta – viene sottoposto ad un processo di pirolisi, ovvero a una decomposizione termica in assenza di ossigeno. Il carbone così ottenuto viene quindi trattato con un processo specifico per conferirgli la caratteristica porosità che ne aumenta enormemente la superficie adsorbente. Il risultato è una polvere, finissima, estremamente porosa, inodore e insapore che trova il suo principale impiego nel settore alimentare e medico-farmaceutico. Può essere utilizzato sia come colorante alimentare, autorizzato dalla normativa UE a seguito di studi di sicurezza condotti dal Gruppo di esperti scientifici sugli additivi alimentari e sulle fonti di nutrienti aggiunti agli alimenti (ANS), sia come matrice funzionale di alimenti o integratore. È importante porre particolare attenzione alle caratteristiche di salubrità del prodotto.

 

IL CARBONE VEGETALE COME INTEGRATORE VIENE CONSIGLIATO NEL CASO DI DISTURBI INTESTINALI QUALI:

 

 

Schermata_2015-07-07_alle_20.09.03.pngSchermata_2015-07-07_alle_20.09.15.png

 

 

Schermata_2015-07-07_alle_20.09.50.pngSchermata_2015-07-07_alle_20.10.02.png

 

 

Schermata_2015-07-07_alle_20.11.00.pngSchermata_2015-07-07_alle_20.11.06.png

 

 

Schermata_2015-07-07_alle_20.11.35.pngSchermata_2015-07-07_alle_20.11.41.png

 

NEI PRODOTTI DA FORNO

Applicato ai prodotti da forno è una novità assoluta. La caratteristica lavorazione permette di ottenere una polvere finissima inodore e insapore, che trasferisce ai prodotti da forno un caratteristico colore “nero assoluto“.
Gli impasti cui viene aggiunto in minima parte, si consiglia 10-15 g circa per ogni kg di farina, acquistano un colore nero spinto, capace di esaltare la cromaticità degli altri ingredienti.

 

Schermata_2015-07-07_alle_18.33.35.png

 

MODALITA’ D’USO

Miscelare la farina con il carbone vegetale prima di procedere con l’impasto usuale,si consiglia 10-15 g ogni kg di farina (qualsiasi farina, anche gluten free).

AVVERTENZE

Data la sua estrema polverizzazione (effetto talco) ed il suo colore nero assoluto, va utilizzato e manipolato con cura, per evitare di colorare di scuro il vostro laboratorio e la vostra cucina.

 

ricetta_carbone_vegetale.jpg

 

Per avere maggiori informazioni sul prodotto e sulle modalità d'acquisto puoi inviare una mail a:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

 

 

 

Condividi col tuo social network preferito

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google BookmarksSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn